Stiamo caricando

Questioni di cuore

Teatro Dadà

A proposito di questo spettacolo

Le “Lettere del cuore” di Natalia Aspesi sul Venerdì di Repubblica diventano uno spettacolo. Un viaggio attraverso la vita sentimentale e sessuale degli italiani nel corso degli ultimi trent’anni. I tradimenti, le trasgressioni, le paure, i pregiudizi. Migliaia di storie intorno all’amore e alla passione che, incredibilmente, non cambiano con il passare dei decenni e l’evoluzione del costume. Dalla ragazzina infatuata per un uomo tanto più grande di lei, alla donna che ama essere picchiata, dalla signora che s’innamora di un sacerdote, alla moglie tradita e abbandonata, dal giovane che si scopre gay, al maschio orgoglioso della sua mascolinità. Tutti hanno imbracciato la penna (più recentemente la tastiera del pc) per scrivere a Natalia Aspesi chiedendo un consiglio, un parere. E le risposte, argute, comprensive, feroci, spesso sono più gustose delle domande. A dare voce sul palco a questa corrispondenza Lella Costa in un gioco di contrappunti tra botta e risposta che raggiunge tutte le sfumature, i diversi gradi d’intensità e di intimità.

 

Dati artistici

Lella Costa legge Natalia Aspesi
da un’idea di Aldo Balzanelli
scenografie Antonio Marras
con le musiche di Ornella Vanoni
produzione Mismaonda

Ancora più Teatro?

Questo spettacolo è parte dei seguenti abbonamenti:

Prosa 7 Prosa+2

Se ti piace Questioni di cuore ti suggeriamo anche:

Dio ride

Nish Koshe
05/12/2018
Teatro Dadà
Una zattera trasporta 7 vagabondi, 5 musicanti e un narratore che racconta storie di gente esiliata
26/01/2019
Teatro Dadà
Un professore e una classe di studenti che si trova a combattere sia contro se stessa sia contro l’“altro”
03/04/2019
Teatro Dadà
La commedia di Goldoni incentrata sul tema del conflitto e della guerra come gioco di interessi e potere
08/03/2019
Teatro Dadà
Le “Lettere del cuore” di Natalia aspesi raccontate e interpretate da Lella costa
24/03/2019
Arena del Sole – Bologna
Sala Leo de Berardinis
L’esordio narrativo di Pasolini portato in scena da Massimo Popolizio, con Lino Guanciale e 18 giovani interpreti