Stiamo caricando

Pueblo

Teatro Dadà

A proposito di questo spettacolo

Questa è la storia di una barbona che non chiede l’elemosina e di uno zingaro di otto anni, della barista che guadagna con le slot machine, di un facchino africano e di un paio di padri di cui non conosco il nome. La storia dignitosa dei centomila africani morti nel fondo del mare. Questa è la storia di una giovane donna che fa la cassiera al supermercato e delle persone che incontra. Questa è la storia di un giorno di pioggia.
Di questi personaggi mi interessa l’umanità.
I contadini lucani o friulani, i pastori sardi o abruzzesi, i braccianti pugliesi o siciliani e tutti gli altri poveracci del passato che lasciavano terra e famiglia, entravano nella Storia da sconfitti, ma in cambio ricevevano il frigorifero, il riscaldamento e l’italiano semplificato imparato dalla televisione.
Oggi i nuovi poveracci non avranno nemmeno questo in cambio della loro disfatta.
E allora vale la pena che sia salvaguardata almeno la cultura che hanno nel cuore e la magia che nascondono nella testa.

Ascanio Celestini

 

Durata: 1 ora e 30 minuti 

Dati artistici

di Ascanio Celestini
con Ascanio Celestini, Gianluca Casadei
suono Andrea Pesce
produzione Fabbrica srl
in coproduzione Romaeuropa Festival 2017, Teatro Stabile dell’Umbria

Video

Ancora più Teatro?

Questo spettacolo è parte dei seguenti abbonamenti:

Prosa 7 Prosa+2

Se ti piace Pueblo ti suggeriamo anche:

15/02/2019
Teatro Dadà
Le storie di tanti personaggi ai margini del tessuto sociale, raccontate con irruente sensibilità da Ascanio Celestini

Tecno-Filò

Technology and me
03/05/2019
Teatro Dadà
Il nuovo spettacolo di Marco Paolini: una riflessione sulla tecnologia e sull’uomo al giorno d’oggi
20/11/2018
Teatro Dadà
Una riflessione sul male e le sue innumerevoli identità. Riccardo III oggi, demone recluso e indomito
03/04/2019
Teatro Dadà
La commedia di Goldoni incentrata sul tema del conflitto e della guerra come gioco di interessi e potere
14/04/2019
Teatro Storchi – Modena
Umberto Orsini dà voce a Ibsen: una storia segnata da una grande carica erotica e da uno spregiudicato esercizio del potere